La Festa di Zona vista dagli occhi di una guida

postato in: Art | 0
Giorno 9/10 aprile 2016 alle ore 16:00 circa, tutte le squadriglie della zona si sono riunite a Bolognetta per partecipare alla tanto attesa Festa di Zona e soprattutto per festeggiare insieme il 20esimo anniversario del gruppo scout Bolognetta 1.

 

Momento del montaggio delle tende del sottocampo 1,in primo piano la Sq. Pantere del Bagheria 1 | Ph. Benedetto Guglielmo
Arrivati nel luogo, dopo aver affrontato una lunga strada in salita, i capi li hanno accompagnati nei vari sottocampi (1,2,3,4) e ogni squadriglia, collaborando ha montato la propria tenda. Nel pomeriggio, in ogni sottocampo, tutte le squadriglie hanno fatto dei cartelloni dove dovevano scrivere le loro idee, le esperienze vissute in passato e i propositi per il loro futuro. Dopo aver condiviso questi pensieri con i capi, si sono preparati per la cena comunitaria e alla fine di una bellissima preghiera proposta dai capi squadriglia hanno assaggiato le pietanze preparate da tutte le squadriglie. Inoltre, Per lasciare il posto migliore di come lo hanno trovato, hanno fatto un’intensa pulizia campo e dopo il “kamaludo” tutti erano pronti per il fuoco…

Fuoco di Bivacco, Branca E\G | Ph. Benedetto Guglielmo
Tra scenette improvvisate, allegria, canti, bans, giochi e condivisione del momento, il tempo è volato; però prima di andare a dormire ogni capo squadriglia in una striscia di cartoncino (blu, verde, rosso o giallo) ha scritto il nome della propria squadriglia e il nome del gruppo di appartenenza. Con il momento di preghiera “Signor fra le tende schierati” tutti sono andati a dormire, pronti per affrontare la giornata successiva.

L’arcobaleno dopo una notte di pioggia abbondante. | Ph. Benedetto Guglielmo
Alle ore 7:30 di giorno 9 aprile, dopo una notte fredda e piovosa, tutte le squadriglie si sono svegliate, alzate, fatto colazione e con lo zaino sulle spalle sono scese in paese per aprire ufficialmente queste due giornate di festa. In seguito a gridi di squadriglia, di reparto, di cerchio, di branco, di clan/fuoco e soprattutto di gioia si sono divisi in branche per giocare e divertitirsi, ma con un unico scopo, trovare delle ali al bruco per farlo volare.

Realizzazione delle maschere in gesso. | Ph. Asia Graziano

Realizzazione delle maschere in gesso. | Ph. Asia Graziano

Lavori in creta fatti dalle varie Squadriglie | Ph. Benedetto Guglielmo

Messa in Piazza dei Caduti in guerra, momento della comunione. | Ph. Benedetto Guglielmo
Dopo aver condiviso questi momenti di gioia e comunità, prima del pranzo, si sono messi in cerchio per assistere alla celebrazione della messa. Successivamente, stanchi e affamati, hanno pranzato e prima della fine di questa fantastica festa, le squadriglie sono risalite nel posto dove erano montate le tende, per smontarle.

Vooooooooo…gaaa!!! | Ph. Asia Graziano
Sfortunatamente quella festa stava per finire e dopo aver assistito all’ammaina e aver salutato le persone conosciute in questi due giorni, tutte le squadriglie sono ritornate nei propri paesi d’origine.
Articolo di Maria Teresa Riccobono – Bagheria 4 – E/G
Foto di Benedetto Guglielmo – Bagheria 1 – E/G
Foto di Asia Graziano – Bolognetta 1 – E/G

Lascia un commento