Il saper fare con le nostre mani

postato in: Art | 0
Le Mie Mani Con Le Tue Possono Fare Meraviglie…
B.P. Day del 18-19/02/2017
I clan della zona in cammino
Anche quest’anno si è svolto il B.P Day, questa volta nella città di Termini Imerese poiché da qualche anno ha aperto il nuovo gruppo Termini Imerese 3 si è scelto di farlo proprio qui. Oltretutto questa è anche la mia città ed è stato un onore ospitare tutti questi scout.
Come avrete ben capito il tema di questa uscita è proprio quella della laboriosità. Infatti la prima attività svolta il pomeriggio del primo giorno, fu proprio un’attività manuale. In precedenza i capi reparto ci chiesero di pensare a ciò che potevamo realizzare per la nostra squadriglia. Successivamente ci divisero in gruppi e ogni squadriglia del gruppo doveva esporre all’altra qual’ era il suo progetto. Fatto ciò iniziammo a realizzare i nostri progetti. Tutti realizzarono degli oggetti molto utili. Io per esempio, insieme alla mia squadriglia realizzai degli scaffali. Questa attività non servì solamente a renderci più abili nella manualità ma anche più uniti all’interno delle squadriglie poiché tutti collaborammo per creare qualcosa che necessitava a tutti.
Giunti alla sera dopo aver cenato, tutti i reparti raggiunsero una piazza e lì ci introdussero l’attività che stavamo per svolgere. Ci divisero di nuovo in gruppi e ogni gruppo a suo volta doveva svolgere dei giochi di competenza. Questa fu una delle attività più belle poiché grazie ad essa imparammo cose nuove. Con la mia squadriglia ci divertimmo tantissimo perché scoprimmo delle cose che prima non sapevamo, come per esempio gli accordi che si usano nell’idraulica. Finiti i giochi essendo tardi facemmo la nostra amata preghiera e andammo a dormire.
La mattina, dopo aver fatto colazione ci recammo in chiesa e lì incontrammo anche i lupetti, le coccinelle e il clan. Tutti insieme partecipammo alla messa. Quando si concluse, tutte e tre le branche ci recammo in una piazza, nella quale facemmo l’issa e da lì iniziammo la giornata.
Ci fecero mettere per gruppo di appartenenza e successivamente ci divisero. Ogni gruppo svolse un’attività differente. Il mio per esempio, aveva come tema la Caritas. Arrivarono due ragazzi che ci raccontarono in che cosa consisteva la Caritas e che faceva per aiutare i più bisognosi. Così ci divisero nuovamente in sottogruppi e ognuno di questi aveva il compito di aiutare qualcuno in difficoltà. Ogni sottogruppo andò in giro per la città e iniziammo a chiedere alle persone se potevano darci qualcosa da mangiare che in seguito noi avremmo donato alla Caritas. È stato emozionante vedere che molte persone hanno contribuito per questa causa.
In contemporanea altri ragazzi stavano svolgendo attività differenti alle nostre, riguardanti la legalità e il rapporto con la chiesa. I lupetti e le coccinelle insieme ai ragazzi più piccoli dei reparti stavano svolgendo attività riguardanti la fiducia. Alla fine di ogni attività ci recammo tutti alla villa e per gruppo di appartenenza pranzammo.
Alla fine del pranzo ritornammo nella piazza nella quale avevamo iniziato le attività, questa volta per concluderle. Per l’ultima volta tutte le squadriglie fecero i propri gridi, facemmo l’ammaina e per chiudere il cerchio facemmo un grande voga.
Il B.P Day era ormai finito, tutti si misero lo zaino in spalla pronti per la prossima avventura.
Articolo di Federica Cirlincione – guida del Termini Imerese 1
Foto di Roberta Riccobono – scolta del Bagheria 1

Lascia un commento