Le mie mani

postato in: Art | 0

Questa caccia è cominciata con un vestito stracciato di nome Mappy, che ha chiesto aiuto per diventare di nuovo un bel vestito; ma non c’era solo lui, c’erano anche una bottiglia di plastica, un rotolo di carta igenica e molti altri. Tutti erano ridotti male.

Così ci siamo recati a Termini Imerese e con le nostre mani abbiamo realizzato diversi lavoretti con il vetro, la carta, la plastica e la stoffa. Il lavoretto che mi è piaciuto di più è stata il Pupazzo fatto con la stoffa….e più precisamente con un calzino.

Dopo aver fatto tutti questi lavoretti è successo qualcosa agli strani personaggi mal ridotti…si sono trasformati e sono diventati di nuovo belli!

Questa caccia è stata bellissima e spero di poterne vivere ancora.

Articolo di Alessia Butera “Branco di san Francesco” Trabia 1
Disegno di Andrea Ferrara “Branco Raksha” Altavilla Milicia 1

Lascia un commento